Devolvere il 5 per mille

Devolvere il 5 per mille

Con la dichiarazione dei redditi i contribuenti possono destinare una quota pari al cinque per mille dell’IRPEF ad organizzazioni non lucrative di utilità sociale e ad associazioni di promozione sociale. Tale disposizione non è alternativa all’otto per mille.

La Dedalus è tra le organizzazioni che risultano idonee a beneficiare del cinque per mille, all’interno di un apposito elenco redatto dall’Ufficio delle Entrate.

Per realizzare meglio i nostri servizi abbiamo bisogno del tuo sostegno! Puoi aiutarci senza alcun costo per te e in modo semplice ... a te non costa nulla

Come fare

Su tutti i moduli per la dichiarazione dei redditi (modello 730, Unico persone fisiche, CUD) troverai lo spazio per la destinazione del 5 per mille, rappresentato da quattro caselle corrispondenti alle quattro tipologie di attività/enti sostenibili.

Cerca la casella “Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale...”

Apponi la tua firma Indica nell'apposito spazio il codice fiscale della Dedalus:

03528720638

Se non sei tu ha compilare il modello per la dichiarazione dei redditi, comunica la tua scelta al tuo commercialista, fornendogli il codice fiscale della Dedalus.
Ricorda che anche se sei esonerato dall’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi puoi comunque destinare il cinque per mille alla Dedalus. Anche sui modelli CUD, infatti, troverai in ultima pagina lo stesso spazio per la destinazione del cinque per mille.

In questo caso, dopo aver inserito il codice fiscale della Dedalus e aver apposto la tua firma, consegna la scheda dedicata al cinque per mille correttamente compilata in busta chiusa presso uno sportello bancario o un ufficio postale. Sulla busta dovrai riportare la dicitura “scelta per la destinazione del cinque per mille dell’IRPEF”. Inoltre, dovrai riportare sulla busta il tuo nome, cognome e codice fiscale.

Oppure consegna la scheda ad un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (CAF, commercialisti). Ti dovrà essere rilasciata una ricevuta attestante l’impegno a trasmettere la scelta.

Per maggiori informazioni visita il sito dell’Agenzia delle Entrate