Per il contrasto della povertà educativa, della dispersione scolastica e del fallimento formativo

Patto Educativo di Comunità a Napoli

Presentato a Napoli il Patto Educativo di Comunità: un accordo tra scuole, istituzioni locali e realtà del
Terzo Settore per rafforzare l’alleanza tra scuola, famiglie e comunità educante.

Guarda qui il video

Pianura, Chiaiano, Rione Luzzatti e San Lorenzo-Vicarìa-Vasto: sono questi i quartieri delle 10 scuole di
Napoli al centro del primo Patto Educativo di Comunità che è stato presentato a Napoli, da Save the
Children e Dedalus, con la collaborazione di 17 organizzazioni civiche e del terzo settore, l’ASL NA 1 centro
(distretto 26, 28 e Open Point/ufficio socio-sanitario) e l’Assessorato alla scuola e all’istruzione del Comune
di Napoli. Complessivamente saranno coinvolti circa 4944 studenti di cui circa 1773 già partecipano alle
attività proposte dalle realtà aderenti al patto.
La rete territoriale partenopea si attiva dunque per aiutare la scuola, e soprattutto le bambine e i bambini e
le ragazze e i ragazzi, a superare compatti le difficoltà che prima con il lockdown, poi con le nuove misure
restrittive a causa della pandemia, hanno colpito studenti, genitori e insegnanti.
Il “Patto Educativo di Comunità” è uno strumento introdotto dal Ministero dell’Istruzione nello scorso mese
di giugno per dare la possibilità ad enti locali, istituzioni, pubbliche e private, realtà del Terzo Settore e
scuole di sottoscrivere specifici accordi, rafforzando così non solo l’alleanza scuola-famiglia, ma anche quella
tra la scuola e tutta la comunità locale, che in questo modo diventa pienamente “educante”.
L’obiettivo del Patto Educativo di Comunità che si sta mettendo in atto a Napoli è contrastare e prevenire i
fenomeni della povertà educativa, dell’abbandono scolastico e del fallimento formativo, e allo stesso tempo
valorizzare e mettere a sistema tutte le esperienze e tutte le risorse del territorio. In questo modo, il Patto
diventa un vero e proprio luogo dove attivare un processo che rafforza e valorizza la scuola pubblica,
prendersi cura delle situazioni di maggior fragilità, prevenire l’abbandono, garantire supporto psico-sociale a
giovani e famiglie, favorire il protagonismo giovanile.
Concretamente il Patto prevede attività di confronto e programmazione costante con le scuole, docenti e
famiglie, per la co-progettazione e la co-gestione di attività tese a sostenere le studentesse e gli studenti più
fragili, attraverso interventi di supporto allo studio e all’apprendimento; l’apertura di spazi attrezzati per
poter seguire la DAD dedicati agli alunni che per condizione personale rischiano di non potervi accedere in
modo adeguato; in accordo con le scuole l’organizzazione della co-presenza di educatori e docenti nelle
piattaforme utilizzate per la didattica a distanza. Saranno attivati inoltre numerosi percorsi laboratoriali su:
competenze digitali, cittadinanza e partecipazione, radio, arte, teatro, cinema.
“Stiamo affrontando una sfida educativa senza precedenti. Non possiamo aspettare di vedere, tra un anno,
gli effetti della pandemia in termini di nuova dispersione scolastica. Dobbiamo agire subito, per scongiurare
il rischio che anche un solo bambino, in questo anno scolastico così difficile, scompaia dal radar delle scuole.
Il “Patto” che oggi presentiamo non è solo un modo per mettersi, concretamente, al servizio delle scuole
ma è anche un invito alla mobilitazione di tutti gli attori sociali per rafforzare e integrare l’offerta didattica,
sostenere l’impegno educativo, senza lasciare da sole le scuole e le famiglie in questo impegno”, ha
dichiarato Raffaela Milano, direttrice programmi Italia-Europa di Save the Children.
Il Patto Educativo di Comunità agisce su quattro territori di Napoli in cui sono attive da anni le realtà che
hanno proposto il documento. Qui la dispersione scolastica e la povertà educativa erano fenomeni da
contrastare già prima dell’avvento del Covid-19. Secondo il Rapporto sulla povertà educativa in Campania di
OpenPolis/Con i Bambini nella Città Metropolitana di Napoli il 22,10% dei giovani abbandona gli studi e il
9,70% delle famiglie vive in disagio economico.
“Il risultato di oggi viene da un percorso importante di co-progettazione territoriale che ha trovato
nell’Assessorato alla Scuola del Comune di Napoli e nell’impresa sociale Con i bambini, pur su piani e con
ruoli differenti, due importanti alleati sia sull’idea che la lotta alla povertà educativa non è accessorio ma
presupposto allo sviluppo delle comunità e del territorio, sia nell’agire l’integrazione pubblico privato come
ambito paritario, di gestione collettiva della responsabilità e della funzione pubblica” ha commentato
Andrea Morniroli, della cooperativa sociale Dedalus.
Il Patto è finalizzato a trovare e mettere in atto delle azioni specifiche per tutti e quattro i territori coinvolti.
Lo si farà attraverso la co-progettazione partecipata, un metodo basato su un rapporto di pari dignità di tutti
gli attori pubblici e privati coinvolti, a partire da un sistema organizzativo funzionale centrato sul
riconoscimento e la valorizzazione delle competenze e delle funzioni dei singoli soggetti coinvolti. Tutte le
attività sono e saranno progettate in sintonia con le “Linee di Indirizzo del Comune di Napoli per la
prevenzione e il contrasto della dispersione e del disagio scolastico”.
“Con i percorsi di co-progettazione territoriale che abbiamo avviato con le scuole negli anni, per prevenire e
contrastare la dispersione, si è costruito intorno alle stesse un patto solido che coinvolge importantissime
realtà del privato sociale e del civismo attivo. Queste realtà portano il valore aggiunto di progettazioni e
fondi propri, come quelli messi in campo da Con i Bambini, grazie al Fondo per il contrasto della povertà
educativa minorile, ma condividono con noi un’idea: le risorse pubbliche veicolate attraverso le coprogettazioni orizzontali hanno un impatto diverso e nuovo, perché attivano reti che non svaniscono
quando si consuma un progetto ma sviluppano sui territori, intorno alla centralità del compito che la scuola
riceve dalla Costituzione, la formazione dell’uomo e del cittadino, processi di corresponsabilità e
condivisione tra le varie agenzie per contrastare e sconfiggere la povertà educativa” ha detto Annamaria
Palmieri, assessora alla scuola e all’istruzione del Comune di Napoli.
Il Patto rafforza e mette in rete anche alcune azioni già presenti sul territorio. In particolare, due programmi
nazionali finanziati dalla impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà
educativa minorile, sostenuto dalle Fondazioni di origine bancaria in accordo con il Governo. Sono i
programmi Bella Presenza e Futuro Prossimo, rispettivamente coordinati da Dedalus e Save the Children.
Save the Children partecipa al Patto anche con un altro programma nazionale contro la dispersione
scolastica, Fuoriclasse in Movimento, sostenuto da donatori privati, e con la rete degli interventi attivi sui
territori interessati (Punti Luce, Spazi Mamme, UnderRadio, Sottosopra).
“Questa iniziativa centra in pieno l’obiettivo per il quale stiamo lavorando: convincere la pubblica opinione e
le istituzioni , attraverso concrete realizzazioni, che per combattere la povertà educativa minorile,
probabilmente la più grave patologia sociale del nostro Paese, bisogna costruire e qualificare Comunità
educanti capaci di fare rete, di attrarre e qualificare le migliori energie dei territori nei processi educativi e di
inclusione”, ha concluso Carlo Borgomeo, presidente dell’impresa sociale Con i Bambini.
Tanti gli istituti scolastici protagonisti del Patto Educativo: IC Giovanni XXIII-Aliotta, ISIS Melissa Bassi, IC
Nazareth-Musto, IS G. Siani a Chiaiano; IC R. Bonghi nel rione Luzzatti; IC Bovio-Colletta a San Lorenzo
Vicaria Vasto; CPIA Napoli 1; IC F.Russo, IC 72° Palasciano e IC Don G. Russolillo a Pianura.
Il documento è stato voluto e sottoscritto da diverse realtà: Save The Children Italia, Dedalus, L’Orsa
Maggiore, Coordinamento Genitori Democratici, EasLab, Movimento di Cooperazione Educativa, L’uomo e il
Legno, Ellebi, E.D.I., A voce alta, Fondaca, Matematici per la città, Libera, Aste e Nodi, Le Nuvole, Casa del
Contemporaneo, Oltre la tenda, Turmed, il Teatro nel baule, l’ ASL NA1 (distretto 26-28 e Open Point/Ufficio
socio-sanitario), l’assessorato alla scuola e all’istruzione del Comune di Napoli
In città hanno già aderito il Teatro di Napoli, Stellafilm, Guida Editori, Greenpeace, CSV Napoli, Massimiliano
Virgilio, Studio Riccardo Dalisi
Con l’adesione al Patto ciascun soggetto si impegna a mettere a disposizione delle scuole coinvolte delle
opportunità educative che vengono offerte a titolo gratuito o nell’ambito di progetti già finanziati, quindi
senza oneri in capo alle scuole o alle famiglie. Le attività saranno realizzate sotto la guida e in stretto
coordinamento con le direzioni scolastiche coinvolte, in modo da rispondere alle reali esigenze rilevate nel
rapporto con gli studenti.
SCARICA IL PATTO EDUCATIVO DI COMUNITÀ
Per sottoscrivere il Patto Educativo di Comunità scrivere a:
bellapresenza@coopdedalus.org
info.italia@savethechildren.org


Share on FacebookEmail this to someonePrint this page
home | Archivio eventi | Patto Educativo di Comunità a Napoli