Una passione che potrebbe diventare un’opportunità

Laboratorio di Sartoria

Riparte il Laboratorio di sartoria di Officine Gomitoli

Rivolto a persone che amano la moda e sono interessate al processo creativo che ne è alla base, che abbiano o meno un minimo di conoscenza e pratica.
Ciò che è davvero importante è che ci sia la voglia di imparare a cucire e quindi a creare.
Quella che è una passione potrebbe diventare un’opportunità.

Il laboratorio di sartoria è uno spazio aperto e plurale in cui si favorisce l’incontro tra più culture, si sviluppano nuove competenze e si tessono relazioni.
Le persone che vi partecipano trovano momenti di scambio, condividono idee, esperienze, hanno la possibilità di crescere insieme. In una logica di riciclo e sostenibilità diamo un nuovo utilizzo a materiali come teloni pubblicitari e scampoli di fine serie. La sperimentazione e l’apprendimento delle tecniche sartoriali è un’occasione per sviluppare nuovi saperi importanti per la crescita professionale e individuale.

Il laboratorio si svolge presso l’Officina del Fare di Officine Gomitoli, Ex Lanificio Sava, Piazza Enrico De Nicola 46.
Per iscriversi telefonare ai numeri 081293390 int. 307 e 3929777173 referente Mariola Grodzka

Scarica qui la locandina

home | Iniziative ed eventi | Notizie ed eventi | Laboratorio di Sartoria
vai al pdf

Iniziative ed eventi

Contest. Scadenza 30 settembre 2022

Il senso di un luogo

IL SENSO DI UN LUOGO – Progetto Porta Capuana   Workshop intensivo di cinema del reale con l’ideazione, la scrittura... Mostra articolo

Riprendiamo il 12 settembre

Base Camp

Anche Base Camp va in vacanza! A Napoli il Base Camp terminerà le sue attività il 21 luglio. Le attività... Mostra articolo

Nuovi Cittadini

Presentazione libro

Diventare italiani nell’era della globalizzazione di Salvatore Strozza, Cinzia Conti, Enrico Tucci (Il Mulino, 2021) Presentazione libro Anche a prescindere... Mostra articolo

Il modello HabitArt per la generazione post lockdown

L’arte di educare

A cura di ELENA DE FILIPPO Con il contributo di ENRICA MORLICCHIO E CHIARA SARACENO