Grazia sotto pressione

Grazia sotto pressione

Percorsi di cittadinanza rivolti a minori che si ritrovano in situazioni di grave povertà educativa e socio-economica

 

Grazia sotto pressione. Percorsi di cittadinanza rivolti a minori che si ritrovano in situazioni di grave povertà educativa e socio-economica è un progetto sostenuto  dall’Impresa sociale Con i Bambini – Bando UN PASSO AVANTI, realizza interventi integrati e multidimensionali, in grado di favorire percorsi di fuoriuscita dalle situazioni di povertà educativa che interessano questi minori e, contemporaneamente, impattare le vulnerabilità socio-economiche dei contesti familiari di appartenenza, contrastando la riproduzione dei processi di stigmatizzazione ed esclusione che li caratterizzano.

Le particolari condizioni di disagio vissute dai minori target aumentano le probabilità di esclusione dal sistema di welfare e riducono le possibilità di accedere con pari opportunità ai percorsi scolastici e/o all’offerta educativa/formativa extrascolastica. Sono bambini e adolescenti la cui “grazia”- l’intelligenza, i talenti, i desideri, le attitudini, gli affetti – resta schiacciata dalla “pressione” di quotidiani duri e rischiosi, in cui è difficile immaginare alternative di vita e di relazione. Rispetto ad altri minori in contesti di deprivazione materiale e culturale, essi sono ancor più a rischio di cadere in situazioni di grave sfruttamento e di intraprendere comportamenti dannosi per la propria integrità psico-fisica.

home | Aree di intervento | Formazione e lavoro | Grazia sotto pressione

Scheda progetto

Aree di intervento

Formazione e lavoro, Minori soli

Periodo di attuazione

2020 – 2023

Obiettivi e attività

Finalità del progetto è liberare la grazia che rimane nascosta e depotenziata nei percorsi di vita dei minori che vivono situazioni di forte vulnerabilità e grave sfruttamento. Offrendo loro attività di orientamento alla cittadinanza e costruendo con loro percorsi per l’emancipazione, l’autonomia e il pieno esercizio dei propri diritti. Sapendo accogliere e curare le loro fragilità, sostenendo la valorizzazione e la piena espressione di capacità, risorse ed emozioni, in un’ottica che li riconosce come protagonisti e non come destinatari passivi degli interventi loro rivolti.

Gli obiettivi specifici, mirano a:

  • favorire percorsi di fuoriuscita dalle situazioni di povertà educativa e di grave sfruttamento dei minori raggiunti, attraverso la definizione di Patti Educativi di Cittadinanza, finalizzati all’inclusione scolastico/formativa, sociale e lavorativa, concordati in maniera individualizzata con i destinatari, sulla base dei loro bisogni e delle loro attitudini, dei loro desideri, dell’età e delle condizioni di contesto;
  • sostenere il ruolo di cura e le competenze genitoriali delle famiglie, puntando ad un loro coinvolgimento attivo, promuovendone l’accesso ai servizi socio sanitari e all’offerta educativa per l’infanzia e l’adolescenza, nell’ottica di un intervento integrato capace di contrastare la riproduzione dei processi di esclusione socio-economica che caratterizzano i contesti di vita dei destinatari delle azioni progettuali;
  • puntare all’allargamento della comunità educante e potenziare il ruolo della scuola come spazio di relazione, anche attraverso la co-progettazione di interventi di recupero e riutilizzo di spazi scolastici, con l’apertura di spazi educativi diffusi e di prossimità rivolti a bambini e bambine che vivono in contesti familiari caratterizzati da povertà educativa, vulnerabilità socio-economica e inseriti in ambiti di grave sfruttamento;
  • sviluppare forme di empowerment individuale e promuovere nuove competenze emotive e socio-relazionali presso i destinatari degli interventi, attraverso attività di Sostegno psicologico e di Conseuling dedicate.
Destinatari

Destinatari degli interventi sono le/gli adolescenti, le bambine e i bambini che direttamente o indirettamente vivono particolari condizioni di vulnerabilità, deprivazione e disagio. Sotto la pressione di quotidiani duri e rischiosi che schiacciano intelligenze, talenti, desideri, attitudini e affetti, lasciando così poche alternative di vita e relazioni, aumentano i rischi di esclusione delle persone più fragili e si riducono le possibilità di accedere con pari opportunità ai percorsi scolastici e all’offerta formativa disponibile.

Partenariato

Comune di Napoli, Istituto Comprensivo Statale Bovio Colletta di Napoli, Associazione Con Officine Gomitoli, Associazione Agedo Palermo, Ass. Capone BungtBangt, CASBA Società Coop. Soc., Associazione DI-Namiche, LAB.IN.S. Società Coop. Impresa Soc., Associazione di volontariato Priscilla.

Contatti

081 293390  int. 318

tratta@coopdedalus.it